Tag Archives: Piano antiviolenza

Per le pari opportunità la priorità resta il lavoro

14 giu

Giovanna Martelli è stata nominata consigliera per le Pari opportunità del presidente del Consiglio Matteo Renzi lo scorso ottobre. Un ruolo complesso, riconosciuto per alcuni tardivamente, e che certamente ha in agenda temi divisivi. Proprio in queste ore, ad esempio, arrivano i contenuti – destinati a far discutere – del rapporto che il Parlamento europeo produce e approva ogni cinque anni per dare linee di indirizzo per combattere e correggere le discriminazioni per nazionalità, etnia, religioni, reddito, convinzioni e scelte sessuali nel mondo del lavoro. Oltre a riconoscere l’esistenza delle “famiglie gay” nel prendere atto dell’evoluzione “della definizione di famiglia”, l’europarlamento rilancia con forza sulla necessità di specifiche politiche per rafforzare i diritti delle donne Continue reading 

Violenza sulle donne: uscire dall’emergenza coordinando le politiche nazionali con quelle territoriali

5 giu

“Il nostro obiettivo è uscire dall’emergenza e applicare politiche pubbliche sistemiche, nazionali e territoriali, in grado di affrontare a 360 gradi il fenomeno della violenza contro le donne”,  questo il commento della Consigliera del Presidente del Consiglio per le pari opportunità, Giovanna Martelli, a margine della conferenza stampa di presentazione dell’indagine Istat, commissionata dal Dipartimento per le Pari Opportunità su  “La violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia.

“Quello che emerge da questa indagine è che c’è una maggiore consapevolezza femminile, soprattutto tra le giovani, rispetto alla percezione di questo fenomeno e quindi una maggiore forza nell’avviare un percorso di emancipazione dalla violenza. Le donne iniziano ad avere il coraggio di parlarne, di denunciare e di considerare un reato quello che viene commesso nei loro confronti. Ma, e questo è il dato che più ci allarma, è aumentata la gravità delle violenze sessuali e fisiche così come sono aumentati i casi in cui i figli assistono ad episodi di violenza sulla propria madre. Questo segnala un problema enorme: l’ereditarietà dei comportamenti appresi. Un bambino che assiste alla violenza familiare avrà più propensione a reiterare quella stessa modalità relazionale e una bambina a diventare a sua volta vittima.  Spetta alla politica – prosegue Martelli – mettere in atto tutte le misure per contrastare questi aspetti, potenziando la prevenzione e l’informazione, agendo sulle nuove generazioni per compiere quel salto culturale di cui c’è bisogno”.

Per questo, aggiunge la Consigliera, il Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere, sul quale è iniziato un confronto con gli operatori e le associazioni che sul territorio da anni sono impegnati su questo fronte, “verrà integrato e rafforzato per rispondere in maniera più puntuale alle reali esigenze delle donne e all’individuazione di percorsi condivisi di fuoriuscita dalla dimensione delle relazioni violente”.